1.3 Faq: domande e risposte

Queste sono le domande che più frequentemente ci vengono rivolte su come funziona marcaclac e sui mobili su misura ecologici realizzati con marcaclacsistema.

La lista è aperta e in continuo aggiornamento, puoi contribuire con le tue personali domande.

1. Perchè mai scegliere mobili con scheletri in alluminio?


Sì, be’, capisco può sembrare strano, i mobili sono l’emblema del legno, e siamo abituati a pensarli unicamente fatti come li abbiamo sempre visti ed esperiti. Ma esistono vari motivi legati a benefici ambientali e di natura funzionale che rendono vincente e interessante realizzare mobili dotati di scheletri in alluminio.
Innanzitutto praticare questa soluzione significa superare i limiti dimensionali dell’approccio costruttivo tradizionale modulare e aggiungere un alto contenuto ecologico, ecco percchè:

L’alluminio, dopo ossigeno e silicio, è il terzo elemento del pianeta, viene tolto dalla natura una sola volta e continuamente rifuso e riutilizzato.
Costruire mobili con scheletri in alluminio consente di usare solo ed esclusivamente il legno che serve, cioè fino al 75% di legno in meno (stiamo lavorando per alzare ulteriormente questo valore). La funzione portante e di assemblaggio è svolta dallo scheletro stesso.
In questo modo non serve più costruire moduli e affiancarli, gli uni accanto ad altri, impiegando moltissimo materiale ed energia per lavorarlo.
Non adottare il modulo come modello costruttivo ci libera dalle dimensioni standard per realizzare mobili e soluzioni veramente su misura.
Ci offre inoltre la possibilità di POTENZIARE lo spazio contenitivo dei mobili. Aderendo millimetricamente alle misure su ogni asse cartesiano, è possibile ottenere anche nel senso della PROFONDITA’ soluzioni improponibili per il sistema modulare. Riusciamo a costruire armadi con profondità di 1 mt., e per raggiungere comodamente le parti più interne, realizziamo tutta l’attrezzatura in estrazione.
Con gli scheletri si valorizzano le pareti di casa che già possediamo: esse come contenitori sono perfette, si possono dipingere, tappezzare, oppure…
Utilizzando la canalina di aggancio del profilo PSE1 con cui vengono realizzati gli scheletri marcaclac, è possibile appendere dei semplici teli comodamente asportabili e lavabili ad ogni cambio di stagione. E’ possibile praticare questa soluzione anche in alternativa alle ante di chiusura (modello “SIPARIOsenza”).
Utilizzando solamente il poco legno indispensabile, gli scheletri favoriscono l’impiego di materiali esclusivamente naturali: non solo legni provenienti da foreste protette e certificate, ma anche totalmente esenti da Formaldeide. Sono pannelli massicci e lamellari trattati in totale assenza di colle contenenti sostanze tossiche. E, conseguentemente, gli interventi di finitura sono fatti a mano con l’impiego di prodotti ugualmente certificati e naturali, realizzati con varie tecniche.
Gli scheletri, permettono di ancorarare direttamente tutta l’attrezzatura interna che risulta millimetricamente posizionabile in ogni punto del profilo.
Con l’impiego di scheletri, colonne, travi, pertugi ispezionabili, porte e porticine non costituiscono nessun ostacolo. Inoltre, eventuali perdite, muffe, bolle, crepe ed ogni altro problema alle pareti è subito rilevabile e tempestivamente RISOLVIBILE.

E infine ultimo motivo, più che mai verde:

Uno scheletro è per sempre! RIUTILIZZABILE ALL’INFINITO per altre analoghe applicazioni.

2. Lasciare le pareti a vista nei mobili? Non mi sembra per niente igienico!

La diffidenza intorno a questo argomento è del tutto comprensibile, ma è unicamente dettata dalla consuetudine di vedere mobili modulari chiusi su tutti i fronti da pannelli, e da questioni psicologiche e preconcetti. A questo proposito, oltre che puntualizzare i benefici ambientali sopra citati, attinenti all’utilizzo degli scheletri, e per non ripetere quanto già detto, vi invito a prendere visione di questo eloquente articolo sul blog che tratta l’argomento.

3. Chissà quanta polvere si deposita con il muro a vista!

L’isolamento dalla polvere è un argomento che ci sta particolarmente a cuore. Sopratutto nelle case particolarmente esposte, la polvere si infila ovunque e inevitabilmente si deposita. Miracoli non se ne possono fare, mobili pressurizzati, sottovuoto e a tenuta stagna, non ce ne sono, e secondo noi, non hanno neppure motivo di esserci. Non è il caso di esagerare cercando una inasetticità improponibile e anche irragionevole: viviamo circondati dalla polvere e dai germi.
Contrariamente però a quanto, forse, l’utilizzo delle nude pareti possa evocare, i muri – nella normalità dei casi – non emettono polvere. Pertanto, oltre alla legittima quantità dell’insidioso pulviscolo, dovuta alla normale apertura delle ante, l’unica possibilità di intrusione è imputabile all’isolamento dello scheletro contro pareti soffitti e pavimenti. A tale proposito abbiamo adottato una soluzione che ci soddisfa molto, e sopratutto soddisfa gli utilizzatori dei nostri mobili: oltre alle normali guarnizioni parapolvere, per sanare perimetralmente il piccolissimo spazio fra lo scheletro marcaclac e le pareti, che molto spesso non sono perfettamente dritte, applichiamo una invisibile guarnizione in feltro di lana, che fa da barriera e garantisce una perfetta aderenza adattandosi alle imperfezioni dei muri.

4. Mobili sospesi appesi al soffitto? …ma siamo matti?

Quella di appendere gli scheletri marcaclac a soffitto o a parete è un’altra delle loro prerogative. Generalmente, gli scheletri, quando poggiano a terra -in questo caso con la possibilità di integrare lo zoccolino delle pareti- , vengono messi in tensione tra soffitto, pavimento e pareti, senza nessun foro nei muri.
Per chi ama però l’effetto sospeso, che oltre a consentire e facilitare una perfetta pulizia sotto al mobile, offre la scenografica possibilità di creare un effetto di galleggiameto – tramite una illuminazione a led direttamente infilati dentro il profilo-, lo scheletro è davvero provvidenziale e consente di praticare questa soluzione con estrema semplicità in tutta sicurezza.

Per quanto riguarda questa questione, e anche la successiva, trattate da un punto di vista più tecnico, passo la palla a Sergio e lo invito a scriverne qui. In questo momento -come sempre del resto- è molto occupato con i vostri progetti e le realizzazioni, per cui consiglio chi vuole velocemente avere maggiori informazioni, di chiamarlo liberamente (335 6564827), vi tranquillizzerà illustrandovi le soluzioni adottate con i relativi calcoli di portata.

5. Come posso occuparmi del rilevamento delle misure?

In verità, questa operazione richiede precisione, ma è molto semplice da effettuare, basta sapere come fare. A questo proposito Sergio ha promesso la prossima -ce lo auguriamo tutti – realizzazione di un tutorial, curato nei dettagli, dedicato all’argomento, che vi accompagnerà passo per passo. anche qui, come sopra, per le urgenze: 335 6564827. Chiamate senza problemi, gli fa sempre molto piacere parlare con persone interessate alle soluzioni marcaclac.

6. Posso davvero fare da solo?

Marcaclacsistema non è esattamente nato come sistema Fai da Te. Tuttavia il grado di semplificazione raggiunto è tale per cui, lavorandoci un poco sopra, sopratutto realizzando semplici apparati informativi per il montaggio, studiando packaging adeguati e sostenibili, pensiamo che si potrebbe arrivare a interessanti risultati anche in questa direzione.
Rimane il fatto che, chiunque si voglia cimentare nella realizzazione in proprio di mobili con marcaclacsistema, può farlo, e la cosa ci farà molto piacere. Avrà da noi tutto il supporto e l’assistenza necessari.

7. E …se abitiamo lontani?

Certo… questa è una spinosa questione. Marcaclac è una piccola realtà con una grande idea in grado di risolvere questioni, forse piccole, che, nel vivere quotidiano dentro una casa, assumono una estrema importanza. Ci chiamate in molti fuori Lombardia, e, come diciamo in questi casi, Marcaclac è assolutamente disponibile a lavorare anche fuori porta. Naturalmente la distanza ha dei costi aggiuntivi che vanno ben considerati in relazione ai benefici ottenuti e alla disponibilità ad affrontarli.
Stiamo lavorando per trovare le giuste collaborazioni per creare un nuovo sistema distributivo sostenibile per divulgare territorialmente il più possibile l’applicazione di marcaclacsistema. Invitiamo chi è interessato a mettersi in contatto con noi.
Ci farà molto piacere riuscire a raggiungere e soddisfare quanti, ormai lo sappiamo, – persone speciali in fatto di apertura mentale e disposizione al nuovo e sopratutto alla questione sostenibile – si interessano e scelgono le soluzioni Marcaclac.

8. Quali sono le cose da segnalare?

Qui vi potete e dovete sbizzarrire.
I dati tecnici sono indispensabili ma oltre alle misure, è per noi importante individuare la presenza di prese, distanza dai termosifoni, presenza di colonne, altezza finestre…ed ogni particolarità.
Inoltre più dettagli funzionali legati all’uso che il vostro spazio o il vostro mobile dovrà avere, meglio potremo sviluppare il progetto che risponda efficentemente alle vostre esigenze.

9. Qualità e Certificazioni.

Per realizzare i suoi mobili marcaclac utilizza elementi marcati marcaclacsistema, pressofusioni, profilati in alluminio, viteria speciale in acciaoi e zama. Realizzati su suoi disegni e di cui detiene proprietà sugli stampi, prodotti da aziende fornitrici accuratamente selezionate e in possesso di specifiche certificazioni.

Per la parte lignea, per garantire la totale assenza di Formaldeide, abbiamo individuato due fornitori che garantiscono per i loro pannelli un incollaggio vinilico. Consigliamo l’impiego di pannelli in tre strati di Abete nordico selezionati per le elevate prestazioni tecnologiche, di provenienza tedesca; oppure un pannello figher joint (assemblaggio a pettine) sempre in Abete, rosso proveniente dalla Val di Fiemme. Una terza possibilità è costituita dall’irresistibile legno di Cirmolo dal profumo di bosco.

Tutte le aziende fornitrici detiengono certificazioni adeguate.

HAAS Certificazione FSC- SGS

HAAS Certificazione PEFC.

HAAS Certificazione LGA 1.

HAAS Certificazione LGA 2.

M.C.F. Certificazione FSC.

M.C.F. Certificazione PEFC.

INDINVEST Attestato di Conformità.

INDINVEST Certificato IGQ.

10. Veramente la scelta del legno per il mio mobile ha proprieta’ benefiche?

Il legno autentico è tutto un altro pianeta. Basta guardarlo per cogliere la differenza, non solo è possibile estromettere il pizzicore e i vapori delle sostanze nocive dalle nostre case e dai luoghi che frequentiamo, ma è possibile trarre beneficio dalle scelte del legno che pratichiamo. L’istituto Joanneum Research, famoso Centro di Ricerca Austriaco che ha studiato a fondo l’argomento delle proprietà benefiche dell’Abete di Montagna e del Cirmolo o Pino Cembro, illustra i risultati scientifici delle sue ricerche:

ABETE DI MONTAGNA CIRMOLO 1 CIRMOLO2

11.Ma quanto mi costa?

E veniamo alle dolenti note…

Prezzi e criteri: situazione attuale

E’ davvero piuttosto difficile parlare, in modo chiaro e definito di prezzi, quando marcaclac non propone nulla di standard, ed ogni commessa ha in sè particolarità e opzioni di applicazioni sempre diverse.

Ogni progetto marcaclac, è quindi, un progetto a sè stante. Cercando però di dare un riferimento, sopratutto per alcune realizzazioni marcaclacsistema, per esempio gli armadi, abbiamo adottato dei criteri agevolanti e indicativi.
Una cosa certa, e piuttosto ovvia, di cui tener conto nell’utilizzo del parametro, è che maggiori sono le dimensioni dello spazio da attrezzare, maggiormente è conveniente l’applicazione di marcaclacsistema.

Al di sotto di certe misure ( 1mt e 80 cm, 1mt ), sconsigliamo di farlo, a memo che si tratti di piccole armadiature con spazio da attrezzare ad alta efficenza e non siano praticabili altre soluzioni.

Ecco i parametri indicativi che potrete adottare per mobili con una attrezzatura base e con tutte le caratteristiche di sostenibilità assicurate da marcaclac:

Armadi, e armaditure UNICOsenza in genere:

da m 2,00 e oltre di lunghezza: da € 500 al mq di facciata.

ESEMPIO: il vostro armadio misura m 2,80×0,65×2,70h Procedete così: 2,80 x 2,70 = 7,56 mq di facciata.
Mq 7,56 x € 500,00 = € 3.780,00 aprox.

• Armadi e armadiature UNICOsenza in mansarda:

da m 2,00 e oltre di lunghezza: da € 600,00 al mq di facciata.

Mi rendo conto che non sia perfettamente esaustivo, pertanto vi invito a scriverci o chiamarci. Per ora, è quanto siamo riusciti a farte: e’ davvero troppo difficile dare dei parametri fissi. Per ogni progetto esistono troppe varianti per indicare un prezzo certo e definitivo.

Un altro parametro alquanto instabile:

Cucina Sostenibile della sig.ra Alba, presentata a EcoAbitare, quella documentata da Occhio allo Spreco di Striscia, descritta in questo post, e della quale compare una scheda informativa alla pagina 8, con quelle caratteristiche e quei materiali, ha un prezzo commerciale di € 15.000 elettrodomestici esclusi.

PREZZI E VALORI marcaclac, ragionamenti e spiegazioni:

“ma quanto costa?” A volte, davanti ai mobili marcaclac, è addirittura la prima domanda che ci viene posta. E spesso, in quei casi, subito dopo segue la mannaia sentenza: “troppo caro!”

Posso capire, da una semplice e superficiale analisi: niente più fondi nè spalle, meno legno, meno lavorazioni = meno soldi. E da questo punto di vista, in parte, la considerarione è comprensibile.

Ma permettetemi di allargare un poco questa semplicistica visione.

Oggi tutti consideriamo lo spazio come un elemento sempre più indispensabile per migliorare la qualità delle nostre vite nelle case e negli spazi di lavoro. La possibilità di sfruttarlo al massimo corrisponde alle più contemporanee esigenze funzionali, e Sergio ed io, pensiamo che fare questa scelta sia molto più sostenibile e praticabile della corteggiata e dispendiosa domotica.

Inoltre molti di noi, finalmente per fortuna, sono orientati a praticare scelte che tutelino l’ambiente e il nostro bel pianeta. L’attenzione alle tematiche legate alla qualità della vita e a ciò che minaccia la nostra salute e aumentare il nostro benessere è sempre più alta, e sempre più persone scelgono soluzioni in grado di abbassare le fonti di inquinamento indoor.

La ricerca Marcaclac e le soluzioni che proponiamo sono totalmente orientate in queste direzioni:

• costruiamo mobili alle vostre specifiche misure,
• vogliamo corrispondere alle vostre personalissime esigenze funzionali,
• lo facciamo con i migliori materiali trattati in totale assenza di sostanze nocive,
• usiamo solo il legno che serve, e miglioriamo la durata del mobile,
• tutti gli elementi che compongono il mobile sono totalmente separabili,
• e offrono la possibilità di riutilizzare lo scheletro marcaclacsistema.

Ora, secondo voi, perchè un mobile così, dovrebbe costare quanto un comune mobile di produzione industriale. Uguale a tanti altri, costruito con moduli standard a misure fisse, con materiali -per bene che vada- di qualità inferiore, e seppur nelle quantità previste dalla normativa, con emissione di formaldeide, che non è in grado di offrire lo sfruttamento totale dello spazio, né tanto meno, l’opzione di potenziamento dello spazio, e che alla fine della sua vita -molto prossima nelle opzioni pù economiche e praticate- finirà in un cassonetto?

Lo stato delle cose nel bunker marcaclac:

Attualmente siamo solo in due, che in una cantina, pensano di aver avuto una buona idea, forse molto più grande della loro possibilità di gestirla. Grazie a questa, progettiamo e realizziamo, con le nostre sole forze e con l’appoggio della bottega del Davidone, un mobile alla volta. Realizziamo personalmente il compensato di faggio, visto che ad incollaggio vinilico non esiste (utilizzato per i fondi dei cassetti), per mantenere l’integrità delle zero emissioni. Facciamo arrivare dalla Germania, unici in Italia, un pannello particolarmente avanzato e tecnologico. E considerando che per tutte le ordinazioni dei materiali, siamo legati a quantitativi minimi decisamente antieconomici, per il momento, con questa organizzazione, i prezzi marcaclac che facciamo, sono il meglio che siamo in grado di offrirvi.

Marcaclac futuro, la nostra visione:

Marcaclac ha una visione chiarissima: industrializzare il sistema produttivo, avviare il processo di democratizzazione del mobile su misura marcaclacsistema e lasciare quanti più alberi possibile nella natura dove si trovano. fino a rendere questa possibilità sempre più accessibile a quanti vorranno praticarla per lasciare come natura ha previsto, al vento e agli uccelli il compito di piantumare.

Con questo fine, cerchiamo collaborazioni e partnerschip per costruire attraverso un business etico e sociale, una raeltà umanamente e professionalmente avanzata per accorciare la strada verso questo obbiettivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...